GUIDA OPERATIVA

Da GTItalia.org wikipedia.

Jump to: navigation, search

Contents

TEAM

Come Fondare un team

Ogni pilota iscritto a GTItalia può diventare Team Manager fondando un team. Per fondare un team serve un banner nei formati jpg, gif o png nelle dimensioni 200*80 (lato * altezza) L'operazione va richiesta allo staff nel seguente topic con il nome del team ed in allegato il banner.

Costi

La fondazione del team implica un costo di 250.000 Crediti di cui la metà riversate nelle casse del team.


Budget Cap

La complessità del ruolo del Team Manager è tutta concentrata nella capacità di centrare gli obiettivi prefissati nel rispetto dei parametri di Budget Cap ovvero nel limite di spesa. Ogni campionato prevede per i team una serie di costi quali auto (noleggio, iscrizione, costi gestione, riparazioni), piloti (costi ingaggio) e una sola fonte di guadagno dato dagli sponsor che supportano i costi in rapporto ai risultati sportivi promessi (ed offerti).

Preventivi economici

Lo strumento fondamentale per pronosticare l'andamento economico di un intero campionato è quello dei preventivi. Uno strumento a disposizione dei team con il quale è possibile analizzare infinite soluzioni di sponsor, piloti, auto, analizzarne i costi/ricavi e stabilire quindi se c'è sia la copertura economica e sia se si riusciranno a centrare gli obiettivi prefissati. Quanto più è realizzato bene un preventivo quanto minori saranno gli imprevisti durante il campionato.


Sponsor

Gli sponsor sono soggetti fondamentali e presenti solo nei campionati. Sono scalati su 6 livelli a seconda degli obiettivi che il team si prefigge nel campionato. Più è alto il livello, maggiore sarà il supporto economico degli sponsor ma maggiori saranno anche le richieste degli sponsor in termini di risultati così come saranno meno tolleranti rispetto ai fallimenti. Ogni pacchetto di sponsor è composto di un main sponsor, 2 supporter sponsor e 3 technical sponsor.

Il main sponsor copre la parte più importante della copertura economica. Il premio elargito può abbassarsi durante il campionato se il team non è in linea con i risultati attesi. Questo può terminare anche con la rottura del contratto con il main sponsor se i risultati sono eccessivamente deludenti facendo di fatto mancare la copertura economica con il main sponsor per tutto il resto del campionato.

I supporter e technical sponsor non sono sensibili ai risultati del team nel corso del campionato. Il premio contrattato varia però dal rank del team in fase di contratto, a seconda del rank del team al momento della stipula del contratto, più è alto il rank è maggiore sarà il premio concordato per l'intero campionato.

Una volta contrattati gli sponsor il team non può più recedere a meno di ritiro dal campionato.


Iscrizione auto

Nei campionati non monomarca, la scelta delle auto da iscrivere è un azione fondamentale nelle riuscita del campionato. Spesso l'offerta di auto è vasta e con prezzi e prestazioni molto diversi. Anche in questo caso l'uso corretto dei preventivi può aiutare a stabilire la sostenibilità economica delle scelte. Iscrivere l'auto migliore non sempre è la scelta migliore perché assottiglierà il margine operativo nella scelta dei piloti i quali potrebbero non accettare ingaggi sottopagati preferendo team più generosi. Come detto, è necessario prima stabilire gli obiettivi che il team si prefigge nel campionato, non necessariamente puntare alla vittoria è la scelta più facile poiché quanto più ambiziosi saranno gli obiettivi quanto più alti sono i rischi di fallimento con conseguenze economiche e di prestigio del team (abbassamento del rank). L'iscrizione delle auto ha un costo fisso variabile per ogni campionato, è sempre possibile annullare l'iscrizione perdendo però l'intero costo di iscrizione, costo che è contabilizzato nel Budget Cap ragion per cui è preferibile scegliere con attenzione le auto da iscrivere, ragione ancor più valida nel momento in cui il campionato preveda un limita di modelli diversi iscrivibile per ogni team.


Ingaggi dei piloti

L'ingaggio dei piloti va gestito in accordo con gli obiettivi che il team si è prefissato. La contrattazione prevede una base sindacale sotto la quale non si può scendere ma solo salire. Il team può quindi offrire al pilota un ingaggio a condizioni economiche migliori di quelle base per garantirsi maggiori probabili di accordarsi col pilota. Il contratto prevede diverse voci distinte per l'obiettivo che il pilota deve rispettare, inoltre ci sono le clausole di recessione contratto (penali) e la franchigia sui danni oltre alla promessa di un modello anziché un altro. La singola contrattazione tra un team ed un pilota è articolata su massimo 3 fasi (offerta, proposta, controproposta). L'intera fase ha una durata massima di 72 ore, in mancanza di un accordo entro questo termine la contrattazione decade ed è sempre possibile iniziarne una nuova. Entrambi i soggetti possono sempre annullare la contrattazione in ogni momento senza alcuna conseguenza.

Una volta firmato il contratto, sia team che pilota possono rescindere dal contratto in ogni momento pagando le eventuali penali concordate nel suddetto contratto. Non ci sono limiti prefissati di piloti, di contrattazione o di auto per cui il team ha piena libertà di azione nel rispetto sempre del bilancio economico. Il pilota che lascia un team può contrattare con qualsiasi altro team (anche lo stesso) oppure iscrivere un auto e correre come pilota indipendente mantenendo sempre valida la sua posizione in classifica.


Team chat e HQ

Il forte dinamismo della composizione dei team deve essere supportato da strumenti adeguati di comunicazione altrettanto dinamiche. I siti dei team tradizionali o qualsiasi altro luogo di discussione sono troppo rigidi. GTItalia fornisce una chat evoluta a tutti i team più uno spazio di condivisione di allegati e risorse (Head Quarter)

Team chat

Nel momento in cui un team si iscrive ad un campionato appare sul portale l'icona per aprire la chat privata. Ogni campionato ha una sua chat con inizialmente 4 stante preconfigurate, il TM ha in ogni caso la possibilità di aggiungerne altre. La visibilità di tale chat è ristretta al TM, vice TM ed a tutti i piloti ingaggiati dal team, la visibilità da parte di ogni pilota cessa nel momento in cui il campionato termina o il pilota si ritira dal campionato o recede il contratto con il team. Questo automatismo di accesso fa si che alla chat accedano solo i responsabili del team ed i piloti ingaggiati in quel momento fornendo quindi uno strumento di conversazione ristretto alla gestione del singolo campionato. La chat è evoluta in quanto oltre a permettere un numero illimitato di stanze di discussioni fornisce strumenti di notifica dei messaggi non letti.

Head Quarter

Con HQ si intende un luogo privato di scambio e condivisione di file e link. Tale luogo ha le identiche regole di accesso gia descritte per la chat. Nell'HQ è possibile organizzare i contenuti all'interno di una struttura ad albero suddivisa in sezioni, anche in questo caso gia preconfigurata e con la possibilità da parte del team aggiungerne altre. L'HQ è fondamentale per potersi scambiare setup, skin e in genere tutto il materiale necessario alla vita di un team in un campionato.


PILOTI

Accettare un ingaggio

Ogni pilota iscritto ad un campionato ha la possibilità di partecipare come indipendente o come membro di un team. Nel primo caso sarà sua cura iscrivere l'auto, gestirla e sostenerne i costi. La federazione mette a disposizione dei premi ma sono sufficienti a coprire le spese solo dei primi piloti ragion per cui correre da indipendenti è quasi sempre economicamente svantaggioso. L'alternativa è cercare un ingaggio da parte di un team o proporsi direttamente ad uno di questi. Per correre in un team è necessario affrontare una trattativa nella quale si stabiliscono i termini del contratto. La trattativa parte con dei termini base che variano con il rank del pilota. I termini base possono solo essere alzati e non abbassati. Quando team e pilota raggiungono un accordo (accettazione del contratto) il pilota ha automaticamente accesso alla team chat dove poter comunicare con il team manager e con gli altri piloti del team. In qualità di pilota di un team, tutti i costi sono sostenuti da quest'ultimo tranne eventualmente i danni (in misura variabile) a seconda degli accordi raggiunti in fase di contrattazione. Il pilota percepisce dopo ogni gara il premio di ingaggio in rapporto ai risultati raggiunti. Il team (come anche il pilota) può recedere dal contratto senza preavviso.


Ranking

Ad ogni pilota di GTItalia vengono legati alcuni ranking: Skill : Indicatore legato alle sue prestazioni in pista, aggiornamento mensilmente Safety Rank : Indicatore legato alla condotta in gara e più precisamente al numero ed entità di sanzioni e contatti di gara Global Rank : Rappresenta il rank storico (dal 2003) con l'indicazione del livello del pilota all'interno della classifica di tutti i piloti di GTItalia.

Lo Skill ed il Safety Rank sono tra questi i 2 indicatori più importanti in quanto hanno forte influenza su alcuni importanti aspetti. Lo skill determina i costi base di un pilota (la base di partenza per le trattative di ingaggio) e sono uno degli indicatori più usati dai TM per vagliare l'ingaggio del pilota. Il Safety Rank è indicatore invece della capacità del pilota di condurre le gare nel rispetto delle regole e della sicurezza in pista.


Licenze

Ad ogni pilota viene assegnata una licenza tra le 5 disponibili. Le licenze sono delle classificazioni per suddividere i piloti in base a 2 criteri ovvero lo Skill ed il CPR (coefficiente personale recidiva) ovvero un coefficiente che indica quanto un pilota è incline a incorrere in sanzioni. (maggiori dettagli nel paragrafo delle sanzioni). I nuovi piloti che non hanno disputato il numero minimo di gare saranno assegnati alla licenza Unranked. Ogni inizio mese si ricalcolano le licenze ed in quel momento si può passare da una licenza ad un'altra sulla base dei nuovi valori di skill e cpr.

Le licenze etichettano con molta affidabilità i piloti e sono la base la suddivisione in diversi gruppi di gara. Ogni licenza ha un costo diverso, più alto per le licenze più alte.


Costi e ricavi

La carriera virtuale di un pilota GTItalia è segnata da azioni e conseguenze che portano dei costi o dei ricavi. Di seguito verranno elencati i più comuni:

COSTI Iscrizione auto, noleggio, costi gestione e riparazione danni di uno special event Iscrizione auto, noleggio e riparazione danni di una gara di campionato in caso si corra da indipendenti Fondazione team (una tantum) Costo licenza (mensile)

RICAVI Premi federazione di uno special event o gara di campionato (solo se indipendenti) Premi ingaggio nel caso si corra come pilota di un team

Ogni pilota deve cercare il giusto compromesso tra costi e ricavi, deve scegliere le auto con costi da lui sostenibili (nel caso di Special Event) e deve riuscire a strappare il migliore ingaggio nel caso di partecipazione ad un campionato.

Convocazione

Il portale invia in automatico le convocazioni per ogni eventi a cui si è iscritti. Nella pagina evento, per ogni gara di calendario è presenta la data e ora esatta in cui verranno inviate le convocazioni. Solo i piloti convocati potranno prendere parte alla gara. La gestione dei requisiti di convocabilità e la gestione delle riserve sono di competenza del portale il quale convoca il massimo di piloti convocabili in accordo con le caratteristiche dell'evento impostato dal publisher/admin. Nella pagina di ogni evento è possibile consultare tutte le caratteristiche come il numero minimo e massimo di piloti accettati, il numero massimo di gruppo ed i criteri di formazione dei gruppi. Le convocazioni vengono inviate via mail all'indirizzo usato in fase di registrazione e tramite messaggio sul portale. Viene indicato il server (nome presente in lobby, indirizzo ip:porta), password di gara e gruppo (eventuale) di assegnazione. Sul portale inoltre è possibile leggere server e password sulle informazioni generali dell'evento ed inoltre, in caso di eventi con rF, il proprio client RaceSystem2 verrà istruito con server e password assegnati.

LIVELLI SIMULATIVI

Informazioni generali

I livelli simulativi sono dei set di caratteristiche che definiscono gli eventi conferendo loro i connotati riguardo il livello di simulazione da ottenere. Nei livelli simulativi sono definiti gli aiuti alla guida utilizzabili così come il formato gara o l'uso della tecnica del Last Minute Track (descritto in seguito) e la tipologia di sanzioni adottate nell'evento. I livelli simulativi sono quindi un insieme di categorie di gare le quali si rivolgono ad un target di utenza diverso.

Divisione dell'offerta sui vari livelli simulativi

L'insieme degli Special Event e campionati distribuiti sui vari livelli simulativi danno forma ad una diversificazione dell'offerta destinata a utenti diversi. I vari livelli simulativi descrivono tipologie di gare con simulazione più o meno spinta in modo da essere destinate a tipologie di utenti diversi.

Last Minute Track

Con questo nome (abbreviato LMT) si definiscono le gare in cui non è nota la pista se non pochi minuti prima dell'inizio. In questo modo nessun pilota può allenarsi sulla pista e tutti vengono messi nelle identiche condizioni. Nelle gare con LMT viene definito solo l'ambito dal quale viene sorteggiata la pista es, piste vintage o piste moderne ecc così come il range di lunghezza della pista. l'LMT è una delle caratteristiche definite nel livello simulativo il quale può abilitare o meno tale possibilità per gli eventi di sua derivazione.

Sanzioni automatiche

A differenza delle sanzioni semi-automatiche, in quelle totalmente automatiche non si fa uso di una DG per stabilire la responsabilità del contatto e la sanzione viene applicata in egual misura (al loro dell'applicazione del CPR) a entrambi i piloti coinvolti. Questo sistema di sanzioni può essere abilitato nel livello simulativo, le gare derivate da un livello simulativo prescrive la sanzione automatica avrà di conseguenza tale sistema sanzionatorio.

Livelli e licenze

Ogni licenza da accesso alle gare di vari livelli. Questa associazione da forma ad una griglia di accesso dove l'accesso ad un livello di competizione è aperta ai possessori di determinate licenze. Questo permette di filtrare la partecipazione agli eventi e verosimilmente di rendere più omogena la loro partecipazione.


EVENTI

Special Event

Gli Special Event (di seguito SE) sono eventi singoli non inclusi nei campionati ma valevoli per le classifiche di uno o più trofei. Gli SE prevedono la partecipazione di piloti indipendenti e non dei team, non necessitano di tessere così come di un livello minimo di patente. Gli SE possono articolarsi su 1 o più manche anche con durata diversa, possono inoltre vedere la partecipazione di una o più auto anche di diversa classe. Le auto possono essere disponibili in quantità illimitata oo contingentate, in quest'ultimo caso ogni utente dopo l'iscrizione deve prenotare un modello dalla lista delle auto disponibili. Gli SE (tranne casi eccezionali) prevedono unicamente l'uso di skin di default.


Campionati

I campionati sono eventi articolati su più appuntamenti organizzati in un calendario. Prevedono un minimo di 1 classifica per piloti ed una per team ma molto spesso vengono allestite più classifiche per piloti (divisi per licenza). I campionati prevedono: - partecipazione di piloti e team - necessità di una tessera - necessità di una patente minima - uso delle skin personalizzate (quando possibile)


Endurance Series

Sono eventi di durata di 4 o più ore con predisposizione del cambio pilota. GTItalia organizza periodicamente eventi di questo tipo (unici in Italia) e vedono la partecipazione di equipaggi formati da 2 o più piloti che si alternano alla guida della loro vettura. Le endurance series organizzate tramite SE rispettano quasi tutte le regole dei normali SE quindi - nessun vincolo di patente - partecipazione gratuita (no tessera) ma in più rispetto ai normali SE prevedono l'uso di skin personalizzate.


Trofei

I trofei sono delle classifiche tematiche alimentate dagli SE. Ogni SE può alimentare più di un trofeo e quindi un risultato di un SE di un pilota contribuisce alla classifica di più trofei. Un evento con auto GT storiche organizzato al Nordschleife alimenta per esempio 4 trofei ovvero quello per le auto GT (GT Trophy), il Vintage Trophy, il Green Hell Trophy e lo Special Event Trophy. Ogni trofeo ha una durata di 1 o 2 anni (a seconda del tipo).


RACE SYSTEM

Introduzione

Il GTItalia Race System è un client proprietario da utilizzare in tutte le sessioni di gioco (ufficiali e non) perchè assolve la funzione di Anticheat. In assenza del race system o in caso di non funzionamento, i giri compiuti sui server di GTItalia non verranno resi visibili. Il non uso del RS durante una gara può comportare anche la squalifica. Il RS include una potente funzione per il download ed installazione del materiale di ogni evento (mod e piste) ed essendo sensibile alle azioni del pilota (iscrizioni agli eventi) propone ed effettua tutto il necessario per poter scendere in pista sui server GTItalia compresa la predisposizione del server con relativa password. L'uso del race system è molto semplice, la guida completa per l'installazione e l'uso è disponibile al seguente link


PATENTE E CPR

Introduzione

Il sistema di patenti creato da GTItalia garantisce la partecipazione agli eventi più importanti (come i campionati) ai soli piloti che hanno un plafond di punti sufficientemente elevato. Questo filtro permette di avere in pista solo i piloti più corretti a beneficio della qualità delle gare. La patente assume valori da 0 a 18 punti è alimentati dai punti bonus che si ricevono dopo una gara e dalle sanzioni (automatiche e non). Il CPR (acronimo di Coefficiente Personale Recidiva) è un indicatore di supporto della patente ed è calcolato sulla base del numero percentuali ed entità delle sanzioni che si ricevono in rapporto ai punti guadagnati. Il CPR in breve indica quanto un pilota è incline alle sanzioni e quindi la capacità di un pilota di condurre gare senza arrecare danni agli altri. L'importanza del CPR deriva dal fatto che ogni sanzione che il pilota riceve viene moltiplicata per il suo CPR (che può assumere valori da 0.6 a 1.8) e quindi può attenuare o aggravare la sanzione. Il sistema permette quindi di avere, a parità di sanzione un attenuante o aggravante personale. Il CPR viene calcolato ogni inizio del mese. Dettagli su patente, cpr e sanzioni sono disponibili al seguente link

Reclami

L'utilizzo delle sanzioni semiautomatiche non sostituisce in toto i normali reclami che possono essere presentati solo se il contatto in oggetto non è presente nella lista dei contatti rilevati dal sistema (consultabili sul portale nella pagina di ogni evento) e presentabili secondo la modalità descritte nei regolamenti specifici di Special Event o Campionati.


Regime agevolato

L'unicità del sistema adottato da GTItalia per la gestione delle sanzioni e per il mantenimento di uno standard elevato in tema di sicurezza in pista può creare difficoltà ai nuovi piloti che necessitano quindi di un periodo di apprendimento e di adattamento. Per tale ragione ogni nuovo pilota beneficia di un periodo composto da 5 gare in cui le sanzioni sono applicate con un massimale di soli 0.50 punti. Lo scopo di tale misura è quello di agevolare l'ingresso di ogni nuovo pilota, farlo adattare ai nuovi standard e prepararlo così ad una partecipazione agli eventi con meno traumi possibili.


Acquisto punti patente

Ogni mese, ogni pilota può acquistare tramite crediti un massimo di 0.5 punti patente a frazioni di 0.05 punti. Tale opportunità può consentire ad esempio ad un pilota di evitare l'esclusione da un campionato qualora non sia riuscito a raggiungere i punti necessari.


TESSERE

Tipi di tessere

GTItalia permette la partecipazione a tutti gli eventi anche senza l'acquisto di una tessera. Ogni evento viene acquistato singolarmente e pagato al momento dell'iscrizione. Se per qualsiasi ragione l'utente non dovesse prendere parte alla gara l'intera somma viene rimborsata.

Ogni utente può acquistare inoltre alcuni tipi di tessere che danno accesso a servizi opzionali. La tessera PREMIUM e PREMIUM PLUS ti consente di accedere a molti servizi aggiuntivi e di avere un forte sconto sull'iscrizione di ogni evento. La tessere MY RACE e MYRACE PLUS ti da accesso ai servizi dell'omonimo configuratore di eventi per organizzare i propri eventi o trofei. Un confronto sulle caratteristiche delle tessere ed i suoi prezzi è visibile sul portale seguente link

Acquistare una tessera

Le tessere si possono acquistare in ogni momento usando il credito presente nel proprio account.

Caricare il credito

Per caricare il credito sul proprio account GTItalia mette a disposizione tre strumenti. Paypal ti permette di pagare il credito scegliendo comodamente l'importo e di vederselo caricato automaticamente sul portale alla fine della transazione. In alternativa si può scegliere il bonifico bancario o ricarica postepay chiedendo gli estremi per il pagamento.

Partecipazione agli eventi

GTItalia offre eventi sia gratuiti che a pagamento. Tutti gli eventi endurance più tanti altri normali special event organizzati dallo staff sono gratuiti ed accessibili a tutti. Le gare di campionato e gli eventi My Race sono invece a pagamento. Il costo di iscrizione di ogni singolo evento o campionato è indicato nella pagina specifica dell'evento, il costo è pieno nel caso non si possegga alcuna tessere (pay per race) o scontato nel caso si possegga la tessera Premium.

Premio Safery Rank annuale

Ogni anno GTItalia assegna dei premi in crediti in base alla classifica Safety Rank annuale. Tale classifica (consultabile sul portale) riflette la condotta del pilota per quanto riguarda le sanzioni ed i contatti in cui è coinvolto. Meno sanzioni si ricevono e più è alto il Safety Rank. GTItalia premia i primi 10 piloti con crediti spendibili in eventi e campionati. Sul Safety Rank è sempre mostrata la proiezione dell'assegnazione del bonus che però avviene solo a chiusura dell'anno solare.

Safety Bonus

A conclusione di ogni gara i piloti che non sono coinvolti in nessun contatto (subito o ricevuto) vengono premiati con un bonus calcolato in percentuale sulla base del costo evento.


MY RACE

Tessera My Race

La tessera My Race, che è acquistabile dalla propria gestione account, è una tessera di durata con decorrenza dal giorno dell'acquisto e da accesso alle funzionalità My Race.

Configuratore

Il Configuratore My Race è uno strumento completamente integrato nel portale per la configurazione di eventi e trofei ed è accessibile con il possesso dell'omonima tessera. Il configuratore si presenta con 3 tab: My Special Event, My Trophies e My Logo My Trophies permette la gestione (creazione, modifica, cancellazione) degli Special Event da parte dei publisher. Il configuratore è diviso in sezioni seguendo gli step che portano alla configurazione di tutti gli aspetti e caratteristiche di una gara. Si parte con la scelta del mod, quindi delle classi e di conseguenza delle auto con possibilità di scegliere una o più classi ed uno o più modelli. I modelli possono essere inoltre contingentati a piacimento o lasciati liberamente prenotabili, è possibile inoltre scegliere per ogni modello una zavorra in punti per bilanciare ulteriormente le auto. Si prosegue con la scelta della pista e quindi del layout. Si passa poi alla scelta del format gara, numero gruppi, minimo e massimo per ogni gruppo, format qualifica e gara con numerose possibilità compreso il moltiplicatore del tempo per simulare per esempio gare H24. Ogni gara può essere inoltre alimentare la classifica di un trofeo,precedentemente creato. Ogni evento prevede la creazione degli appositi banner del comparto grafico, sono elementi grafici che alimentano i circuiti pubblicitari interni (sul portale) o esterni (sulle comunità con le quali abbiamo accordo di reciproco scambio pubblicitario). Per comporre tali elementi grafici non è richiesto l'uso di alcun software di editing (spesso complessi) ma basta avvalersi della libreria immagini di GTItalia e poi comporre i banner tramite un apposito tool con preview in tempo reale. La creazione di un evento si conclude con un box preventivo capace di preventivare costi e ricavi in base alla partecipazione stimata e con un pratico box per salvare o pubblicare l'evento. E' possibile salvare un progetto anche senza pubblicarlo, modificarlo a piacimento e pubblicarlo quando si è pronti. Un calendario permette di poter schedulare l'evento sulle date libere potendo anche sceglie tra 3 diverse fasce orarie.


Costi e ricavi

My Race permette a tutti gli utenti di creare gli eventi di proprio gusto senza il carico di creare e gestire una propria comunità. La creazione di contenuti personalizzati all'interno del circuito di eventi di GTItalia trasferisce loro una quota parte di 'rischio' che si concretizza nella possibilità di costi e ricavi. Il meccanismo è semplice. Ogni evento ha un costo fisso, indicato a titolo esemplificativo di 5 euro ma per ogni pilota realmente partecipante all'evento GTItalia riconosce un contributo di 0.25 euro (sempre a titolo esemplificativo). Risulta chiaro che all'aumentare dei piloti partecipanti diminuisce il costo dell'evento fino a formare un guadagno netto. Questo semplice meccanismo incentiva i publisher a organizzare eventi di successo con benefici per il publisher e per GTItalia. Nulla vieta però ad un utente di creare di proprio gusto anche se con partecipazione di nicchia dove ovviamente potrebbe incorrere in un bilancio negativo. In tal caso MyRace anzichè essere uno strumento per offrire contenuti di successo viene interpretato come strumento per organizzare, dietro un costo comunque molto basso, eventi di nicchia ed inusuali nel sim racing.


MY PAGE

Accesso al servizio

Il Servizio My Page richiede l'acquisto di una tessera Premium+. E' possibile usare in demo il configuratore ma non senza l'acquisto del servizio non è possibile pubblicare la pagina.

Come funziona

My Page è un configuratore che consente la creazione della propria pagina personalizzata assemblandola con varie oggetti (immagini, slider, widget). Tale pagina corrisponderà alla consultazione del profilo del pilota sul portale (consulta info pilota) ma essendo una pagina pubblica a tutti gli effetti è possibile inserirla come link in qualsiasi pagina html a scelta dell'utente. Lo scopo è quello di fornire uno strumento facile e intuitivo per la creazione di proprie pagine personalizzate con le proprie statistiche, immgini, video e quant'altro l'utente voglia inserire, non sostituisce la normale pagina di statistica utente ma si sovrappone ad essa.

Creazione e gestione progetti

La creazione di una pagina parte dalla creazione di un progetto assegnandogli un nome convenzionale. Successivamente è possibile accedere al builder che mostra una pagina demo dove poter posizionare gli oggetti tracinandoli da un menù a scomparsa. In questo modo l'utente può vedere in tempo reale la composizione della sua pagina al fine di rendere l'operazione semplice ed intuitiva. Oltre al tab dei progetti sono disponibili tab degli slider, immagini e custom box. Sono oggetti complessi che vanno prima assemblati autonomamente (slider e custom box) e poi utilizzati nel progetto tramite builder. Il tab immagini serve per caricare le immagini che possono poi essere utilizzate come immagine di sfondo, immagine libera o immagine di slider.

Immagine di sfondo

Una immagine per poter essere utilizzata come immagine di sfondo deve avere una dimensione di 1280*1280, ogni immagine che non rispettate tali precise dimensioni non appare disponibile nel builder come potenziale immagine di sfondo.

Slider

Lo slider è un oggetto complesso che permetta la rotazione di immagini predefinite con effetti di vario tipo. Per poter utilizzare uno slider all'interno di un progetto è necessario prima assemblarlo tramite il tab slider. Prima di tutto si deve creare un nuovo slider dando un nome convenzionale e indicando le dimenzioni (width, height) dello slider. Tali dimensioni verranno utilizzate come filtro per la ricerca delle immagini dello slider. E' possibile modificare in ogni momento le dimensioni perdendo però la lista delle immagini gia scelte. Dopo l'operazione di creazione è possibile modificare i parametri dello slider, effetto, tempi, opzioni varie ed ovviamente scegliere le immagini che comporranno lo slider. Basta cliccare su ogni immagine che si desidere per includerla nello slider. per rimuoverla è sufficiente cliccare nuovaente sull'immagine scelta. Una volta creato lo slider è poi possibile usarlo nel progetto tramite il builder.

Prima di pubblicare uno slider è possibile visualizzarne una demo, per fare ciò basta salvarlo e cliccando sul tasto demo, si aprirà una nuova pagina con lo slider in funzione.

Custom box

Il custom box permette la creazione di uno box con dentro del codice libero scelto dall'utente. In fase di creazione del box è possibile scegliere tra iframe e code. Il primo permette l'inserimento di un url (es http://www.gtitalia.org) che produrrà una sezione delle dimensioni scelte con dentro la visualizzazione della pagina richiesta. Con l'opzione Code è invece possibile inserire del codice html, anche in questo cso il risultato è una sezione con dentro il risultato del codice html. Una volta creato il custom box è poi possibile usarlo nel progetto tramite il builder.

Immagini

Oltre all'uso come immagine di sfondo o in uno slider è possibile usare le immagini come oggetti liberi sulla propria pagina caricandole e poi usando il builder per posizionarle sulla pagina.

Layer

Nella pagina del progetto è presente una sezione chiamata LAYERS che consente di assegnare un valore di layer (z-index in html) ad ogni oggetto. Questo permette di assegnare il livello di visibilità di un oggetto rispetto all'altro. Il layer con indice più basso è quello costruito prima e quindi più nascosto viceversa quello con indice più alto è quello costruti in ultimo e quindi completamente visibile. Usando opportunamento i layer si possono ottenere diversi effetti come uno slider parzialmente coperto da una immagine fissa o un widget sovrapposto ad una immagine o slider ecc.

Template, demo e pubblicazione

In ogni momento l'utente può salvare il proprio progetto così come produrre una demo per controllare il buon esito delle sue modifiche. Per produrre la demo basta premere sul pulsante demo ma prima occorre produrre il template. La sequenza corretta per produrre una demo è il salvataggio, seguito dalla produzione template ed in ultimo l'apertura della demo. L'ultimo passo per rendere pubblica la propria pagina è quello della pubblicazione tramite l'apposito pulsante.


GESTIONE METEO IN GARA

Introduzione

GTItalia.org ha sviluppato per il simulatore rF2 un proprio sistema per la gestione delle condizioni metereologiche negli eventi. Il sistema permette di replicare in tempo reale le condizioni meteo della località nella quale si disputa un evento. Da quando il server è disponibile per gli allenamenti fino al giorno di gara il sistema riporta le reali condizioni aggiornandolo con alta frequenza attingendo le informazioni reali da un sito di metereologia. Ogni pilota anche durante le fasi di allenamento troverà quindi le reali condizioni di quella pista in quel momento in quella parte del mondo come se il pilota stesse effettivamente in quella definita località.

Modalilità meteo

Ogni evento può avere diverse modalità meteo a scelta dell'organizzatore

Soleggiato: tempo prevalentemente soleggiato senza escludere possibili annuvolamenti

Nuvoloso: tempo prevalentemente nuvoloso con poca probabilità di pioggia

Piovoso: tempo prevalentemente piovoso con possibilità di schiarite

Soleggiato variabile: tempo soleggiato ma con frequenti annuvolamenti

Nuvoloso variabile: tempo nuvoloso ma con possibilità di schiarite

Condizioni di stagione: viene replicato il tempo tipico del periodo in cui si svolge l'evento

Casuale: viene replicato un tempo in modo casuale

Tempo reale: viene replicato il tempo reale partendo dalle previsioni della località in cui si svolge l'evento

Come funziona

Il sistema si basa su due importanti funzioni, l'elaboratore di previsioni ed il creatore di previsioni.

Elaboratore di previsioni

E' un algoritmo che elabora i dati di previsioni acquisiti e li traduce in condizioni meteo applicabili sul server rF2. Oltre alle necessarie conversioni di formato l'algoritmo si occupa di generare il dettaglio delle condizioni meteo sfumandone gli eccessi o evidenziandoli a seconda dei parametri che ne governano il funzionamento. L'algoritmo si occupa in sintesi di ricavare da dati di previsioni delle condizioni meteo.


Creatore di previsioni

Le modalità che non prevedono il meteo reale si basano su questo algoritmo che crea delle previsioni meteo basandosi su una mappatura dei dati meteo sintetici. Il risultato di questo algoritmo è presentato in modo identico a quello letto dalle previsioni del servizio metereologico e trattato dall'elaboratore di previsioni come se fossero reali per attribuirgli realismo.

I vantaggi di questo sistema sono una elevata flessibilità permettendo la creazione di infinite modalità meteo tramite la creazione di nuove mappe metereologiche.

Per ogni evento le condizioni meteo vengono elaborata con una frequenza di circa 20 minuti per garantire l'allineamento delle condizioni meteo rispetto a quelle della corrispettiva località.

TEAM

Come Fondare un team

Ogni pilota iscritto a GTItalia può diventare Team Manager fondando un team. Per fondare un team serve un banner nei formati jpg, gif o png nelle dimensioni 200*80 (lato * altezza) L'operazione va richiesta allo staff nel seguente topic con il nome del team ed in allegato il banner.

Costi

La fondazione del team implica un costo di 250.000 Crediti di cui la metà riversate nelle casse del team.


Budget Cap

La complessità del ruolo del Team Manager è tutta concentrata nella capacità di centrare gli obiettivi prefissati nel rispetto dei parametri di Budget Cap ovvero nel limite di spesa. Ogni campionato prevede per i team una serie di costi quali auto (noleggio, iscrizione, costi gestione, riparazioni), piloti (costi ingaggio) e una sola fonte di guadagno dato dagli sponsor che supportano i costi in rapporto ai risultati sportivi promessi (ed offerti).

Preventivi economici

Lo strumento fondamentale per pronosticare l'andamento economico di un intero campionato è quello dei preventivi. Uno strumento a disposizione dei team con il quale è possibile analizzare infinite soluzioni di sponsor, piloti, auto, analizzarne i costi/ricavi e stabilire quindi se c'è sia la copertura economica e sia se si riusciranno a centrare gli obiettivi prefissati. Quanto più è realizzato bene un preventivo quanto minori saranno gli imprevisti durante il campionato.


Sponsor

Gli sponsor sono soggetti fondamentali e presenti solo nei campionati. Sono scalati su 6 livelli a seconda degli obiettivi che il team si prefigge nel campionato. Più è alto il livello, maggiore sarà il supporto economico degli sponsor ma maggiori saranno anche le richieste degli sponsor in termini di risultati così come saranno meno tolleranti rispetto ai fallimenti. Ogni pacchetto di sponsor è composto di un main sponsor, 2 supporter sponsor e 3 technical sponsor.

Il main sponsor copre la parte più importante della copertura economica. Il premio elargito può abbassarsi durante il campionato se il team non è in linea con i risultati attesi. Questo può terminare anche con la rottura del contratto con il main sponsor se i risultati sono eccessivamente deludenti facendo di fatto mancare la copertura economica con il main sponsor per tutto il resto del campionato.

I supporter e technical sponsor non sono sensibili ai risultati del team nel corso del campionato. Il premio contrattato varia però dal rank del team in fase di contratto, a seconda del rank del team al momento della stipula del contratto, più è alto il rank è maggiore sarà il premio concordato per l'intero campionato.

Una volta contrattati gli sponsor il team non può più recedere a meno di ritiro dal campionato.


Iscrizione auto

Nei campionati non monomarca, la scelta delle auto da iscrivere è un azione fondamentale nelle riuscita del campionato. Spesso l'offerta di auto è vasta e con prezzi e prestazioni molto diversi. Anche in questo caso l'uso corretto dei preventivi può aiutare a stabilire la sostenibilità economica delle scelte. Iscrivere l'auto migliore non sempre è la scelta migliore perché assottiglierà il margine operativo nella scelta dei piloti i quali potrebbero non accettare ingaggi sottopagati preferendo team più generosi. Come detto, è necessario prima stabilire gli obiettivi che il team si prefigge nel campionato, non necessariamente puntare alla vittoria è la scelta più facile poiché quanto più ambiziosi saranno gli obiettivi quanto più alti sono i rischi di fallimento con conseguenze economiche e di prestigio del team (abbassamento del rank). L'iscrizione delle auto ha un costo fisso variabile per ogni campionato, è sempre possibile annullare l'iscrizione perdendo però l'intero costo di iscrizione, costo che è contabilizzato nel Budget Cap ragion per cui è preferibile scegliere con attenzione le auto da iscrivere, ragione ancor più valida nel momento in cui il campionato preveda un limita di modelli diversi iscrivibile per ogni team.


Ingaggi dei piloti

L'ingaggio dei piloti va gestito in accordo con gli obiettivi che il team si è prefissato. La contrattazione prevede una base sindacale sotto la quale non si può scendere ma solo salire. Il team può quindi offrire al pilota un ingaggio a condizioni economiche migliori di quelle base per garantirsi maggiori probabili di accordarsi col pilota. Il contratto prevede diverse voci distinte per l'obiettivo che il pilota deve rispettare, inoltre ci sono le clausole di recessione contratto (penali) e la franchigia sui danni oltre alla promessa di un modello anziché un altro. La singola contrattazione tra un team ed un pilota è articolata su massimo 3 fasi (offerta, proposta, controproposta). L'intera fase ha una durata massima di 72 ore, in mancanza di un accordo entro questo termine la contrattazione decade ed è sempre possibile iniziarne una nuova. Entrambi i soggetti possono sempre annullare la contrattazione in ogni momento senza alcuna conseguenza.

Una volta firmato il contratto, sia team che pilota possono rescindere dal contratto in ogni momento pagando le eventuali penali concordate nel suddetto contratto. Non ci sono limiti prefissati di piloti, di contrattazione o di auto per cui il team ha piena libertà di azione nel rispetto sempre del bilancio economico. Il pilota che lascia un team può contrattare con qualsiasi altro team (anche lo stesso) oppure iscrivere un auto e correre come pilota indipendente mantenendo sempre valida la sua posizione in classifica.


Team chat e HQ

Il forte dinamismo della composizione dei team deve essere supportato da strumenti adeguati di comunicazione altrettanto dinamiche. I siti dei team tradizionali o qualsiasi altro luogo di discussione sono troppo rigidi. GTItalia fornisce una chat evoluta a tutti i team più uno spazio di condivisione di allegati e risorse (Head Quarter)

Team chat

Nel momento in cui un team si iscrive ad un campionato appare sul portale l'icona per aprire la chat privata. Ogni campionato ha una sua chat con inizialmente 4 stante preconfigurate, il TM ha in ogni caso la possibilità di aggiungerne altre. La visibilità di tale chat è ristretta al TM, vice TM ed a tutti i piloti ingaggiati dal team, la visibilità da parte di ogni pilota cessa nel momento in cui il campionato termina o il pilota si ritira dal campionato o recede il contratto con il team. Questo automatismo di accesso fa si che alla chat accedano solo i responsabili del team ed i piloti ingaggiati in quel momento fornendo quindi uno strumento di conversazione ristretto alla gestione del singolo campionato. La chat è evoluta in quanto oltre a permettere un numero illimitato di stanze di discussioni fornisce strumenti di notifica dei messaggi non letti.

Head Quarter

Con HQ si intende un luogo privato di scambio e condivisione di file e link. Tale luogo ha le identiche regole di accesso gia descritte per la chat. Nell'HQ è possibile organizzare i contenuti all'interno di una struttura ad albero suddivisa in sezioni, anche in questo caso gia preconfigurata e con la possibilità da parte del team aggiungerne altre. L'HQ è fondamentale per potersi scambiare setup, skin e in genere tutto il materiale necessario alla vita di un team in un campionato.


PILOTI

Accettare un ingaggio

Ogni pilota iscritto ad un campionato ha la possibilità di partecipare come indipendente o come membro di un team. Nel primo caso sarà sua cura iscrivere l'auto, gestirla e sostenerne i costi. La federazione mette a disposizione dei premi ma sono sufficienti a coprire le spese solo dei primi piloti ragion per cui correre da indipendenti è quasi sempre economicamente svantaggioso. L'alternativa è cercare un ingaggio da parte di un team o proporsi direttamente ad uno di questi. Per correre in un team è necessario affrontare una trattativa nella quale si stabiliscono i termini del contratto. La trattativa parte con dei termini base che variano con il rank del pilota. I termini base possono solo essere alzati e non abbassati. Quando team e pilota raggiungono un accordo (accettazione del contratto) il pilota ha automaticamente accesso alla team chat dove poter comunicare con il team manager e con gli altri piloti del team. In qualità di pilota di un team, tutti i costi sono sostenuti da quest'ultimo tranne eventualmente i danni (in misura variabile) a seconda degli accordi raggiunti in fase di contrattazione. Il pilota percepisce dopo ogni gara il premio di ingaggio in rapporto ai risultati raggiunti. Il team (come anche il pilota) può recedere dal contratto senza preavviso.


Ranking

Ad ogni pilota di GTItalia vengono legati alcuni ranking: Skill : Indicatore legato alle sue prestazioni in pista, aggiornamento mensilmente Safety Rank : Indicatore legato alla condotta in gara e più precisamente al numero ed entità di sanzioni e contatti di gara Global Rank : Rappresenta il rank storico (dal 2003) con l'indicazione del livello del pilota all'interno della classifica di tutti i piloti di GTItalia.

Lo Skill ed il Safety Rank sono tra questi i 2 indicatori più importanti in quanto hanno forte influenza su alcuni importanti aspetti. Lo skill determina i costi base di un pilota (la base di partenza per le trattative di ingaggio) e sono uno degli indicatori più usati dai TM per vagliare l'ingaggio del pilota. Il Safety Rank è indicatore invece della capacità del pilota di condurre le gare nel rispetto delle regole e della sicurezza in pista.


Licenze

Ad ogni pilota viene assegnata una licenza tra le 5 disponibili. Le licenze sono delle classificazioni per suddividere i piloti in base a 2 criteri ovvero lo Skill ed il CPR (coefficiente personale recidiva) ovvero un coefficiente che indica quanto un pilota è incline a incorrere in sanzioni. (maggiori dettagli nel paragrafo delle sanzioni). I nuovi piloti che non hanno disputato il numero minimo di gare saranno assegnati alla licenza Unranked. Ogni inizio mese si ricalcolano le licenze ed in quel momento si può passare da una licenza ad un'altra sulla base dei nuovi valori di skill e cpr.

Le licenze etichettano con molta affidabilità i piloti e sono la base la suddivisione in diversi gruppi di gara. Ogni licenza ha un costo diverso, più alto per le licenze più alte.


Costi e ricavi

La carriera virtuale di un pilota GTItalia è segnata da azioni e conseguenze che portano dei costi o dei ricavi. Di seguito verranno elencati i più comuni:

COSTI Iscrizione auto, noleggio, costi gestione e riparazione danni di uno special event Iscrizione auto, noleggio e riparazione danni di una gara di campionato in caso si corra da indipendenti Fondazione team (una tantum) Costo licenza (mensile)

RICAVI Premi federazione di uno special event o gara di campionato (solo se indipendenti) Premi ingaggio nel caso si corra come pilota di un team

Ogni pilota deve cercare il giusto compromesso tra costi e ricavi, deve scegliere le auto con costi da lui sostenibili (nel caso di Special Event) e deve riuscire a strappare il migliore ingaggio nel caso di partecipazione ad un campionato.

Convocazione

Il portale invia in automatico le convocazioni per ogni eventi a cui si è iscritti. Nella pagina evento, per ogni gara di calendario è presenta la data e ora esatta in cui verranno inviate le convocazioni. Solo i piloti convocati potranno prendere parte alla gara. La gestione dei requisiti di convocabilità e la gestione delle riserve sono di competenza del portale il quale convoca il massimo di piloti convocabili in accordo con le caratteristiche dell'evento impostato dal publisher/admin. Nella pagina di ogni evento è possibile consultare tutte le caratteristiche come il numero minimo e massimo di piloti accettati, il numero massimo di gruppo ed i criteri di formazione dei gruppi. Le convocazioni vengono inviate via mail all'indirizzo usato in fase di registrazione e tramite messaggio sul portale. Viene indicato il server (nome presente in lobby, indirizzo ip:porta), password di gara e gruppo (eventuale) di assegnazione. Sul portale inoltre è possibile leggere server e password sulle informazioni generali dell'evento ed inoltre, in caso di eventi con rF, il proprio client RaceSystem2 verrà istruito con server e password assegnati.

LIVELLI SIMULATIVI

Informazioni generali

I livelli simulativi sono dei set di caratteristiche che definiscono gli eventi conferendo loro i connotati riguardo il livello di simulazione da ottenere. Nei livelli simulativi sono definiti gli aiuti alla guida utilizzabili così come il formato gara o l'uso della tecnica del Last Minute Track (descritto in seguito) e la tipologia di sanzioni adottate nell'evento. I livelli simulativi sono quindi un insieme di categorie di gare le quali si rivolgono ad un target di utenza diverso.

Divisione dell'offerta sui vari livelli simulativi

L'insieme degli Special Event e campionati distribuiti sui vari livelli simulativi danno forma ad una diversificazione dell'offerta destinata a utenti diversi. I vari livelli simulativi descrivono tipologie di gare con simulazione più o meno spinta in modo da essere destinate a tipologie di utenti diversi.

Last Minute Track

Con questo nome (abbreviato LMT) si definiscono le gare in cui non è nota la pista se non pochi minuti prima dell'inizio. In questo modo nessun pilota può allenarsi sulla pista e tutti vengono messi nelle identiche condizioni. Nelle gare con LMT viene definito solo l'ambito dal quale viene sorteggiata la pista es, piste vintage o piste moderne ecc così come il range di lunghezza della pista. l'LMT è una delle caratteristiche definite nel livello simulativo il quale può abilitare o meno tale possibilità per gli eventi di sua derivazione.

Sanzioni automatiche

A differenza delle sanzioni semi-automatiche, in quelle totalmente automatiche non si fa uso di una DG per stabilire la responsabilità del contatto e la sanzione viene applicata in egual misura (al loro dell'applicazione del CPR) a entrambi i piloti coinvolti. Questo sistema di sanzioni può essere abilitato nel livello simulativo, le gare derivate da un livello simulativo prescrive la sanzione automatica avrà di conseguenza tale sistema sanzionatorio.

Livelli e licenze

Ogni licenza da accesso alle gare di vari livelli. Questa associazione da forma ad una griglia di accesso dove l'accesso ad un livello di competizione è aperta ai possessori di determinate licenze. Questo permette di filtrare la partecipazione agli eventi e verosimilmente di rendere più omogena la loro partecipazione.


EVENTI

Special Event

Gli Special Event (di seguito SE) sono eventi singoli non inclusi nei campionati ma valevoli per le classifiche di uno o più trofei. Gli SE prevedono la partecipazione di piloti indipendenti e non dei team, non necessitano di tessere così come di un livello minimo di patente. Gli SE possono articolarsi su 1 o più manche anche con durata diversa, possono inoltre vedere la partecipazione di una o più auto anche di diversa classe. Le auto possono essere disponibili in quantità illimitata oo contingentate, in quest'ultimo caso ogni utente dopo l'iscrizione deve prenotare un modello dalla lista delle auto disponibili. Gli SE (tranne casi eccezionali) prevedono unicamente l'uso di skin di default.


Campionati

I campionati sono eventi articolati su più appuntamenti organizzati in un calendario. Prevedono un minimo di 1 classifica per piloti ed una per team ma molto spesso vengono allestite più classifiche per piloti (divisi per licenza). I campionati prevedono: - partecipazione di piloti e team - necessità di una tessera - necessità di una patente minima - uso delle skin personalizzate (quando possibile)


Endurance Series

Sono eventi di durata di 4 o più ore con predisposizione del cambio pilota. GTItalia organizza periodicamente eventi di questo tipo (unici in Italia) e vedono la partecipazione di equipaggi formati da 2 o più piloti che si alternano alla guida della loro vettura. Le endurance series organizzate tramite SE rispettano quasi tutte le regole dei normali SE quindi - nessun vincolo di patente - partecipazione gratuita (no tessera) ma in più rispetto ai normali SE prevedono l'uso di skin personalizzate.


Trofei

I trofei sono delle classifiche tematiche alimentate dagli SE. Ogni SE può alimentare più di un trofeo e quindi un risultato di un SE di un pilota contribuisce alla classifica di più trofei. Un evento con auto GT storiche organizzato al Nordschleife alimenta per esempio 4 trofei ovvero quello per le auto GT (GT Trophy), il Vintage Trophy, il Green Hell Trophy e lo Special Event Trophy. Ogni trofeo ha una durata di 1 o 2 anni (a seconda del tipo).


RACE SYSTEM

Introduzione

Il GTItalia Race System è un client proprietario da utilizzare in tutte le sessioni di gioco (ufficiali e non) perchè assolve la funzione di Anticheat. In assenza del race system o in caso di non funzionamento, i giri compiuti sui server di GTItalia non verranno resi visibili. Il non uso del RS durante una gara può comportare anche la squalifica. Il RS include una potente funzione per il download ed installazione del materiale di ogni evento (mod e piste) ed essendo sensibile alle azioni del pilota (iscrizioni agli eventi) propone ed effettua tutto il necessario per poter scendere in pista sui server GTItalia compresa la predisposizione del server con relativa password. L'uso del race system è molto semplice, la guida completa per l'installazione e l'uso è disponibile al seguente link


PATENTE E CPR

Introduzione

Il sistema di patenti creato da GTItalia garantisce la partecipazione agli eventi più importanti (come i campionati) ai soli piloti che hanno un plafond di punti sufficientemente elevato. Questo filtro permette di avere in pista solo i piloti più corretti a beneficio della qualità delle gare. La patente assume valori da 0 a 18 punti è alimentati dai punti bonus che si ricevono dopo una gara e dalle sanzioni (automatiche e non). Il CPR (acronimo di Coefficiente Personale Recidiva) è un indicatore di supporto della patente ed è calcolato sulla base del numero percentuali ed entità delle sanzioni che si ricevono in rapporto ai punti guadagnati. Il CPR in breve indica quanto un pilota è incline alle sanzioni e quindi la capacità di un pilota di condurre gare senza arrecare danni agli altri. L'importanza del CPR deriva dal fatto che ogni sanzione che il pilota riceve viene moltiplicata per il suo CPR (che può assumere valori da 0.6 a 1.8) e quindi può attenuare o aggravare la sanzione. Il sistema permette quindi di avere, a parità di sanzione un attenuante o aggravante personale. Il CPR viene calcolato ogni inizio del mese. Dettagli su patente, cpr e sanzioni sono disponibili al seguente link

Reclami

L'utilizzo delle sanzioni semiautomatiche non sostituisce in toto i normali reclami che possono essere presentati solo se il contatto in oggetto non è presente nella lista dei contatti rilevati dal sistema (consultabili sul portale nella pagina di ogni evento) e presentabili secondo la modalità descritte nei regolamenti specifici di Special Event o Campionati.


Regime agevolato

L'unicità del sistema adottato da GTItalia per la gestione delle sanzioni e per il mantenimento di uno standard elevato in tema di sicurezza in pista può creare difficoltà ai nuovi piloti che necessitano quindi di un periodo di apprendimento e di adattamento. Per tale ragione ogni nuovo pilota beneficia di un periodo composto da 5 gare in cui le sanzioni sono applicate con un massimale di soli 0.50 punti. Lo scopo di tale misura è quello di agevolare l'ingresso di ogni nuovo pilota, farlo adattare ai nuovi standard e prepararlo così ad una partecipazione agli eventi con meno traumi possibili.


Acquisto punti patente

Ogni mese, ogni pilota può acquistare tramite crediti un massimo di 0.5 punti patente a frazioni di 0.05 punti. Tale opportunità può consentire ad esempio ad un pilota di evitare l'esclusione da un campionato qualora non sia riuscito a raggiungere i punti necessari.


TESSERE

Tipi di tessere

GTItalia permette la partecipazione a tutti gli eventi anche senza l'acquisto di una tessera. Ogni evento viene acquistato singolarmente e pagato al momento dell'iscrizione. Se per qualsiasi ragione l'utente non dovesse prendere parte alla gara l'intera somma viene rimborsata.

Ogni utente può acquistare inoltre alcuni tipi di tessere che danno accesso a servizi opzionali. La tessera PREMIUM e PREMIUM PLUS ti consente di accedere a molti servizi aggiuntivi e di avere un forte sconto sull'iscrizione di ogni evento. La tessere MY RACE e MYRACE PLUS ti da accesso ai servizi dell'omonimo configuratore di eventi per organizzare i propri eventi o trofei. Un confronto sulle caratteristiche delle tessere ed i suoi prezzi è visibile sul portale seguente link

Acquistare una tessera

Le tessere si possono acquistare in ogni momento usando il credito presente nel proprio account.

Caricare il credito

Per caricare il credito sul proprio account GTItalia mette a disposizione tre strumenti. Paypal ti permette di pagare il credito scegliendo comodamente l'importo e di vederselo caricato automaticamente sul portale alla fine della transazione. In alternativa si può scegliere il bonifico bancario o ricarica postepay chiedendo gli estremi per il pagamento.

Partecipazione agli eventi

GTItalia offre eventi sia gratuiti che a pagamento. Tutti gli eventi endurance più tanti altri normali special event organizzati dallo staff sono gratuiti ed accessibili a tutti. Le gare di campionato e gli eventi My Race sono invece a pagamento. Il costo di iscrizione di ogni singolo evento o campionato è indicato nella pagina specifica dell'evento, il costo è pieno nel caso non si possegga alcuna tessere (pay per race) o scontato nel caso si possegga la tessera Premium.

Premio Safery Rank annuale

Ogni anno GTItalia assegna dei premi in crediti in base alla classifica Safety Rank annuale. Tale classifica (consultabile sul portale) riflette la condotta del pilota per quanto riguarda le sanzioni ed i contatti in cui è coinvolto. Meno sanzioni si ricevono e più è alto il Safety Rank. GTItalia premia i primi 10 piloti con crediti spendibili in eventi e campionati. Sul Safety Rank è sempre mostrata la proiezione dell'assegnazione del bonus che però avviene solo a chiusura dell'anno solare.

Safety Bonus

A conclusione di ogni gara i piloti che non sono coinvolti in nessun contatto (subito o ricevuto) vengono premiati con un bonus calcolato in percentuale sulla base del costo evento.


MY RACE

Tessera My Race

La tessera My Race, che è acquistabile dalla propria gestione account, è una tessera di durata con decorrenza dal giorno dell'acquisto e da accesso alle funzionalità My Race.

Configuratore

Il Configuratore My Race è uno strumento completamente integrato nel portale per la configurazione di eventi e trofei ed è accessibile con il possesso dell'omonima tessera. Il configuratore si presenta con 3 tab: My Special Event, My Trophies e My Logo My Trophies permette la gestione (creazione, modifica, cancellazione) degli Special Event da parte dei publisher. Il configuratore è diviso in sezioni seguendo gli step che portano alla configurazione di tutti gli aspetti e caratteristiche di una gara. Si parte con la scelta del mod, quindi delle classi e di conseguenza delle auto con possibilità di scegliere una o più classi ed uno o più modelli. I modelli possono essere inoltre contingentati a piacimento o lasciati liberamente prenotabili, è possibile inoltre scegliere per ogni modello una zavorra in punti per bilanciare ulteriormente le auto. Si prosegue con la scelta della pista e quindi del layout. Si passa poi alla scelta del format gara, numero gruppi, minimo e massimo per ogni gruppo, format qualifica e gara con numerose possibilità compreso il moltiplicatore del tempo per simulare per esempio gare H24. Ogni gara può essere inoltre alimentare la classifica di un trofeo,precedentemente creato. Ogni evento prevede la creazione degli appositi banner del comparto grafico, sono elementi grafici che alimentano i circuiti pubblicitari interni (sul portale) o esterni (sulle comunità con le quali abbiamo accordo di reciproco scambio pubblicitario). Per comporre tali elementi grafici non è richiesto l'uso di alcun software di editing (spesso complessi) ma basta avvalersi della libreria immagini di GTItalia e poi comporre i banner tramite un apposito tool con preview in tempo reale. La creazione di un evento si conclude con un box preventivo capace di preventivare costi e ricavi in base alla partecipazione stimata e con un pratico box per salvare o pubblicare l'evento. E' possibile salvare un progetto anche senza pubblicarlo, modificarlo a piacimento e pubblicarlo quando si è pronti. Un calendario permette di poter schedulare l'evento sulle date libere potendo anche sceglie tra 3 diverse fasce orarie.


Costi e ricavi

My Race permette a tutti gli utenti di creare gli eventi di proprio gusto senza il carico di creare e gestire una propria comunità. La creazione di contenuti personalizzati all'interno del circuito di eventi di GTItalia trasferisce loro una quota parte di 'rischio' che si concretizza nella possibilità di costi e ricavi. Il meccanismo è semplice. Ogni evento ha un costo fisso, indicato a titolo esemplificativo di 5 euro ma per ogni pilota realmente partecipante all'evento GTItalia riconosce un contributo di 0.25 euro (sempre a titolo esemplificativo). Risulta chiaro che all'aumentare dei piloti partecipanti diminuisce il costo dell'evento fino a formare un guadagno netto. Questo semplice meccanismo incentiva i publisher a organizzare eventi di successo con benefici per il publisher e per GTItalia. Nulla vieta però ad un utente di creare di proprio gusto anche se con partecipazione di nicchia dove ovviamente potrebbe incorrere in un bilancio negativo. In tal caso MyRace anzichè essere uno strumento per offrire contenuti di successo viene interpretato come strumento per organizzare, dietro un costo comunque molto basso, eventi di nicchia ed inusuali nel sim racing.


MY PAGE

Accesso al servizio

Il Servizio My Page richiede l'acquisto di una tessera Premium+. E' possibile usare in demo il configuratore ma non senza l'acquisto del servizio non è possibile pubblicare la pagina.

Come funziona

My Page è un configuratore che consente la creazione della propria pagina personalizzata assemblandola con varie oggetti (immagini, slider, widget). Tale pagina corrisponderà alla consultazione del profilo del pilota sul portale (consulta info pilota) ma essendo una pagina pubblica a tutti gli effetti è possibile inserirla come link in qualsiasi pagina html a scelta dell'utente. Lo scopo è quello di fornire uno strumento facile e intuitivo per la creazione di proprie pagine personalizzate con le proprie statistiche, immgini, video e quant'altro l'utente voglia inserire, non sostituisce la normale pagina di statistica utente ma si sovrappone ad essa.

Creazione e gestione progetti

La creazione di una pagina parte dalla creazione di un progetto assegnandogli un nome convenzionale. Successivamente è possibile accedere al builder che mostra una pagina demo dove poter posizionare gli oggetti tracinandoli da un menù a scomparsa. In questo modo l'utente può vedere in tempo reale la composizione della sua pagina al fine di rendere l'operazione semplice ed intuitiva. Oltre al tab dei progetti sono disponibili tab degli slider, immagini e custom box. Sono oggetti complessi che vanno prima assemblati autonomamente (slider e custom box) e poi utilizzati nel progetto tramite builder. Il tab immagini serve per caricare le immagini che possono poi essere utilizzate come immagine di sfondo, immagine libera o immagine di slider.

Immagine di sfondo

Una immagine per poter essere utilizzata come immagine di sfondo deve avere una dimensione di 1280*1280, ogni immagine che non rispettate tali precise dimensioni non appare disponibile nel builder come potenziale immagine di sfondo.

Slider

Lo slider è un oggetto complesso che permetta la rotazione di immagini predefinite con effetti di vario tipo. Per poter utilizzare uno slider all'interno di un progetto è necessario prima assemblarlo tramite il tab slider. Prima di tutto si deve creare un nuovo slider dando un nome convenzionale e indicando le dimenzioni (width, height) dello slider. Tali dimensioni verranno utilizzate come filtro per la ricerca delle immagini dello slider. E' possibile modificare in ogni momento le dimensioni perdendo però la lista delle immagini gia scelte. Dopo l'operazione di creazione è possibile modificare i parametri dello slider, effetto, tempi, opzioni varie ed ovviamente scegliere le immagini che comporranno lo slider. Basta cliccare su ogni immagine che si desidere per includerla nello slider. per rimuoverla è sufficiente cliccare nuovaente sull'immagine scelta. Una volta creato lo slider è poi possibile usarlo nel progetto tramite il builder.

Prima di pubblicare uno slider è possibile visualizzarne una demo, per fare ciò basta salvarlo e cliccando sul tasto demo, si aprirà una nuova pagina con lo slider in funzione.

Custom box

Il custom box permette la creazione di uno box con dentro del codice libero scelto dall'utente. In fase di creazione del box è possibile scegliere tra iframe e code. Il primo permette l'inserimento di un url (es http://www.gtitalia.org) che produrrà una sezione delle dimensioni scelte con dentro la visualizzazione della pagina richiesta. Con l'opzione Code è invece possibile inserire del codice html, anche in questo cso il risultato è una sezione con dentro il risultato del codice html. Una volta creato il custom box è poi possibile usarlo nel progetto tramite il builder.

Immagini

Oltre all'uso come immagine di sfondo o in uno slider è possibile usare le immagini come oggetti liberi sulla propria pagina caricandole e poi usando il builder per posizionarle sulla pagina.

Layer

Nella pagina del progetto è presente una sezione chiamata LAYERS che consente di assegnare un valore di layer (z-index in html) ad ogni oggetto. Questo permette di assegnare il livello di visibilità di un oggetto rispetto all'altro. Il layer con indice più basso è quello costruito prima e quindi più nascosto viceversa quello con indice più alto è quello costruti in ultimo e quindi completamente visibile. Usando opportunamento i layer si possono ottenere diversi effetti come uno slider parzialmente coperto da una immagine fissa o un widget sovrapposto ad una immagine o slider ecc.

Template, demo e pubblicazione

In ogni momento l'utente può salvare il proprio progetto così come produrre una demo per controllare il buon esito delle sue modifiche. Per produrre la demo basta premere sul pulsante demo ma prima occorre produrre il template. La sequenza corretta per produrre una demo è il salvataggio, seguito dalla produzione template ed in ultimo l'apertura della demo. L'ultimo passo per rendere pubblica la propria pagina è quello della pubblicazione tramite l'apposito pulsante.


GESTIONE METEO IN GARA

Introduzione

GTItalia.org ha sviluppato per il simulatore rF2 un proprio sistema per la gestione delle condizioni metereologiche negli eventi. Il sistema permette di replicare in tempo reale le condizioni meteo della località nella quale si disputa un evento. Da quando il server è disponibile per gli allenamenti fino al giorno di gara il sistema riporta le reali condizioni aggiornandolo con alta frequenza attingendo le informazioni reali da un sito di metereologia. Ogni pilota anche durante le fasi di allenamento troverà quindi le reali condizioni di quella pista in quel momento in quella parte del mondo come se il pilota stesse effettivamente in quella definita località.

Modalilità meteo

Ogni evento può avere diverse modalità meteo a scelta dell'organizzatore

Soleggiato: tempo prevalentemente soleggiato senza escludere possibili annuvolamenti

Nuvoloso: tempo prevalentemente nuvoloso con poca probabilità di pioggia

Piovoso: tempo prevalentemente piovoso con possibilità di schiarite

Soleggiato variabile: tempo soleggiato ma con frequenti annuvolamenti

Nuvoloso variabile: tempo nuvoloso ma con possibilità di schiarite

Condizioni di stagione: viene replicato il tempo tipico del periodo in cui si svolge l'evento

Casuale: viene replicato un tempo in modo casuale

Tempo reale: viene replicato il tempo reale partendo dalle previsioni della località in cui si svolge l'evento

Come funziona

Il sistema si basa su due importanti funzioni, l'elaboratore di previsioni ed il creatore di previsioni.

Elaboratore di previsioni

E' un algoritmo che elabora i dati di previsioni acquisiti e li traduce in condizioni meteo applicabili sul server rF2. Oltre alle necessarie conversioni di formato l'algoritmo si occupa di generare il dettaglio delle condizioni meteo sfumandone gli eccessi o evidenziandoli a seconda dei parametri che ne governano il funzionamento. L'algoritmo si occupa in sintesi di ricavare da dati di previsioni delle condizioni meteo.


Creatore di previsioni

Le modalità che non prevedono il meteo reale si basano su questo algoritmo che crea delle previsioni meteo basandosi su una mappatura dei dati meteo sintetici. Il risultato di questo algoritmo è presentato in modo identico a quello letto dalle previsioni del servizio metereologico e trattato dall'elaboratore di previsioni come se fossero reali per attribuirgli realismo.

I vantaggi di questo sistema sono una elevata flessibilità permettendo la creazione di infinite modalità meteo tramite la creazione di nuove mappe metereologiche.

Per ogni evento le condizioni meteo vengono elaborata con una frequenza di circa 20 minuti per garantire l'allineamento delle condizioni meteo rispetto a quelle della corrispettiva località.


APPROFONDIMENTI

Di seguito vengono illustrati più in dettaglio il funzionamento di alcuni strumenti.

Skill

Lo skill indica il livello di competitività di un pilota. Il valore dello skill può variare teoricamente da 0 a infinito ma considerato il suo algoritmo di calcolo il valore massimo è strettamente dipendente dallo skill di default ovvero dallo skill che acquisisce ogni utente neo-iscritto. Lo skill varia sempre ed unicamente dopo la partecipazione ad un qualsiasi evento (eccetto gli eventi scuola). Per capire lo strumento di Skill di GTItalia.org è necessario comprendere che la somma degli skill di tutti i piloti prima e dopo un evento non subisce variazioni. Questo perchè la somma degli skill conquistati da alcuni piloti è pari alla somma degli skill persi da altri piloti. E' possibile quindi affermare che una gara permette il travaso di skill da un pilota all'altro e tale spostamento di skill avviene in proporzione a quanto un pilota si avvicina o si allontana dalla prestazione che il suo skill pre-gara avrebbe fatto immaginare. Una gara quindi è un occasione di riassegnare gli skill ai piloti in base ai loro risultati assoluti ed in base a quanto hanno ottenuto rispetto ai loro avversari. Procedendo con un ipotetica gara di 10 iscritti risulterà prima della gara:

pilota 1: skill 93

pilota 2: skill 45

pilota 3: skill 60

pilota 4: skill 56

pilota 5: skill 97

pilota 6: skill 85

pilota 7: skill 84

pilota 8: skill 80

pilota 9: skill 78

pilota 10: skill 81


se il risultato di questa gara fosse il seguente

pilota 5: skill 97

pilota 1: skill 93

pilota 6: skill 85

pilota 7: skill 84

pilota 8: skill 80

pilota 10: skill 81

pilota 9: skill 78

pilota 3: skill 60

pilota 4: skill 56

pilota 2: skill 45


avremo come conseguenza che gli skill non variano, questo perchè ogni pilota ha rispettato le previsioni che lo skill faceva supporre.

Per avere variazioni di skill dovremmo avere per esempio:

pilota 1: skill 93

pilota 6: skill 85

pilota 5: skill 97

pilota 7: skill 84

pilota 8: skill 80

pilota 3: skill 60

pilota 9: skill 78

pilota 10: skill 81

pilota 4: skill 56

pilota 2: skill 45


dove alcuni piloti sono giunti dietro ad avversari con skill inferiore al suo (e quindi alcuni piloti sono giunti avanti a piloti con skill superiore al suo). Il calcolo della variazione di skill (positiva o negativa) si basa dunque sulla somma algebrica di SumSkillSup e SumSkillInf dove SumSkillSup = somma degli skill dei piloti con skill superiore e con posizione finale inferiore al pilota. SumSkillInf = somma degli skill dei piloti con skill inferiore e con posizione finale superiore al pilota.

Da notare che SumSkillInf ha sempre valore negativo quindi SumSkillSup+(-SumSkillInf) * K dove K è un coefficiente che determina la velocità di variazione dello skill. E' un paramentro fisso per ogni evento, se si volesse aumentare la velocità di travaso degli skill basterebbe aumentare K, viceversa il travaso rallenta.

A questo calcolo puro viene poi applicato un correttivo che limita l'escursione dello skill per limitarne le variazioni che teoricamente sarebbero almpissime nel caso in cui un pilota con skill molto alto termina nelle ultime posizioni (es per disconnessione o incidente nella prima parte della gara). Ovviamente la limitazione dell'escursione oltre a limitare l'abassamento dello skill di quel pilota limita come conseguenza la conquista di skill degli altri piloti poichè come detto "la somma degli skill pre gara deve essere pari alla somma degli skill post gara"

Al risultato di questo calcolo si aggiungono poi dei Bonus e Malus basati su risultati addizionali come best lap, posizioni rimonta e posizione qualifica. Anche in questo caso però la somma dei Bonus di una gara sono pari alla somma dei Malus.

Infine i primi 3 piloti di ogni classe, se disponibili, viene assegnato un bonus prelevato dal 'serbatoio skill' ovvero un quantitativo di skill prelevato coattivamente dai piloti inattivi, quelli cioè lontani dalle gare da n mesi. Anche per quest'ultimo bonus viene rispettata la regola che fa si che si assegnino skill prelevati preventivamente da altri piloti.


Patente e CPR

La patente di GTItalia.org è lo strumento principale per tracciare la correttezza di ogni pilota ovvero il rispetto delle regole. Il suo valore può oscillare tra un minimo ed un massimo mentre i piloti neo-iscritti partono da un valore di partenza. Ogni pilota neo-iscritto viene dotato di una patente standard. Tutti i parmatri che goverano il funzionamento della patente sono consultabile [qui].

La patente si alimenta in positivo solo attraverso il bonus evento assegnato contestualmente al caricamento del risultato gara. Ogni evento (ogni singola manche per la precisione) consente di guadagnare una quantità di punti dipendentemente dalla lunghezza effettiva. Gli eventi sono divisi per tale motivo in fasce di lunghezza e nella pagina precedentemente linkata sono presenti i punti assegnati in base alla lunghezza della manche. A pesare sulla patente sono invece le sanzioni che si ricevono in diversi modi: - negli eventi con sanzioni automatiche queste vengono assegnate contestualmente al caricamento del risultato. Sono eventi in cui non c'è una DG a valutae ogni singolo contatto e le sanzioni vengono calcolate ed applicate in base ad ogni singolo contatto con ogni altro pilota.

- negli eventi con sanzioni semi-automatiche le sanzioni vengono applicate quando queste vengono analizzate dalla DG la quale, a fine lavoro, invia una comunicazione tramite lo strumento di 'short news'. La DG analizza ogni singolo contatto rilevato in automatico ed assegna eventuale sanzione ad uno dei due piloti coinvolti se ritiene che ci siano palesi colpe. La sanzione applicata è quella precalcolata dal sistema automatico ed è strettamente dipendente dall'entità del contatto e dal momento in cui si registra. Un sistema di moltiplicatori fa si che i contatti avvenuti nei primi minuti di gara siano più alte di quelli avvenuti nel resto della gara. Ogni sanzione viene analizzata da un memmbro della DG il quale, nei casi più dubbi (i cosidetti sub judice), richiede consulenza ad un secondo membro della DG. Tramite uno strumento di ticket legato ad ogni singolo evento, ogni pilota partecipante può, entro i termini previsti, presentare ticket di reclamo, reclamo generico e ricorso. Il reclamo è la segnalazione di un incidente non rilevato in automatico dal sistema che viene quindi posto all'attenzione della DG che lo valuterà insieme agli altri contatti rilevati. Il reclamo generico è la segnalazione di episodi diversi dagli incidenti come per esempio tagli curva, comportamento antisportivi o violazione di qualsiasi altra regola che non sfoci in un contatto. Il ricorso è una richiesta di riesame di un episodio conclusosi in una sanzione. Tale procedura implica l'intervento di un membro della DG diverso il quale analizzerà nuovamente l'episodio e può confermare o annullare la sanzione la quale sarà poi inappellabile.

L'insieme delle movimentazioni positive (bonus) e negative (sanzioni) determinano il valore di patente la quale non può mai scendere sotto il minimo e mai sopra il massimo. Un bonus ricevuto quando la patente è gia al suo valore massimo non darà vantaggi ma una sanzione ricevuta quando la patente è al suo valore minimo farà scattare un provvedimento automatico di sospensione dalle gare, una sorta di ban che impedisce l'iscrizione a qualsiasi evento per alcuni mesi.

Lo strumento della patente è completato da quello del CPR, acronimo che sta per Coefficiente Personale Recidiva. Il CPR è un coefficiente che può variare tra un minimo e massimo, i parametri sono consultabili [qui]. Questo coefficiente viene calcolato ogni inizio mese sulla base delle sanzioni e contatti ricevuti due mesi prima, in pratica l'evoluzione patente del mese di maggio provoca effetti sul CPR calcolato il 1° di luglio.

CPR

Il CPR è un coefficiente che, modificato dalle sanzioni precedentemente ricevute, modifica le sanzioni future. E' un moltiplicatore che entra nel calcolo di una sanzione (sia sanzioni automatiche, semi-automatiche e manuali). Per meglio capire ecco come viene calcolata una sanzione sanzione = base * moltiplicatore * cpr

dove base è la base di calcolo corrispondente all'incirca all'entità del contatto registrato dal simulatore. Non è esattamente l'entità contatto (che in rF e rF2 può variare tra 0 e 1) bensì un valore che ha gia subito una prima elaborazione ma con buona sintesi possiamo assumere che sia l'entità del contatto rilevato dal sim.

il moltiplicatore è un coefficiente applicato alla tipologia di gara, [qui] è possibile vedere la lista dei moltiplatori divisi per le tipologia di eventi.

infine c'è il cpr. Esso può variare tra un valore inferiore a 1 per attenuare la sanzione a valori superiori a 1 per moltiplicare la sanzione. Un pilota che riceve molte sanzioni vedrà aumentare il suo cpr e quindi avrà sanzioni le successive sanzioni più alte rispetto ad un pilota con cpr inferiore a 1. Il CPR quindi 'ricorda' la storia di un pilota alleggerendo o appesantendo le sanzioni rispettivamente ai piloti tendenzialmente corretti ovvero a quelli che ricevono poche sanzioni ed a quelli scorretti ovvero che ricevono molte sanzioni. L'unico modo per avere un cpr basso è quello di rispettare il regolamento e quindi ricevere poche o nessuna sanzione. Il CPR aiuta quindi i piloti corretti a ricevece uno sconto di pena quando questi sporadicamente ricevono sanzioni e introduce quindi una personalizzazione delle sanzioni a seconda del profilo del pilota.

Uso della patente La patente viene usata per permettere o impedire l'accesso ai campionati ovvero a selezionare la platea di partecipanti. Ogni campionto ha tra i suoi requisiti quello del livello minimo di patente. Se è vero che non c'è impedimento all'iscrizione se la patente posseduta è inferiore al minimo richiesto è anche vero che fino a che la patente non raggiunge valore pari o superiore al livello minimo il pilota resta nello stato 'sospeso' e quindi non convocabile. Tale meccanismo implica che se un pilota nel corso di un campionato, a causa delle sanzioni ricevute, scende sotto il livello minimo del campionato esso viene messo immediatamente nello stato 'sospeso' e quindi non convocabile per le successive gare. Se però il pilota riconquista i punti necessari riacquista lo status precedente e quindi eventualmente convocabile (la questione della convocabilità dipende anche da altri fattori analizzati nell'apposito paragrafo). La patente in conclusione traccia costantemente il rispetto delle regole di un pilota e quindi la sua correttezza e determina gli eventi a cui ha accesso facendo raggiungere l'obiettivo di avere una platea con un livello minimo di correttezza ad ogni campionato.

Safety Rank

Il safety rank è un'altro strumento che traccia la correttezza di ogni pilota. Il Safety Rank (abbreviato SR) è una classifica annuale (dal 1/1 al 31/12 di ogni anno) che mette in evidenza i piloti con il minor tasso di sanzioni. Il valore di SR può variare da 0 a 1000 (con 1000 si intende un pilota corretto) ed il calcolo si basa sull'equilibrio delle sanzioni, contatti e bonus. Per apparire in classifica sono necessari un numero minimo di gara. la classifica viene usata per assegnare dei bonus in denaro ai primi 10 classificati. Nella classifica in tempo reale sono evidenziati in forma tendenziale i piloti che riceverebbero il premio se la classifica fosse chiusa in quel momento anche se in realtà la classifica finale che determina l'assegnazione è quella del 31 dicembre di ogni anno. Il SR è uno strumento che rispecchia in pieno la filosofia di GTItalia che mette in primo piano (prima della prestazione) il rispetto delle regole e la correttezza dei propri utenti.

Gestione iscrizioni e formazione gruppi

Premessa come ogni altro aspetto su GTItalia.org anche la gestione delle iscrizioni ed in generale tutti i procedimenti di gestione e formazione delle liste di partecipazione agli eventi è completamente automatizzata e quindi regolamentato. In questo paragrafo è trattato tutto ciò che riguarda gli automatismi di gestione delle iscrizioni agli eventi come gli algoritmi di ordinamento degli iscritti e le variabili e parametri che li goverano, il sistema di convocazioni agli eventi, la gestione degli stati etc.


gestione lista iscritti Ogni utente può iscriversi ad ogni evento (campionato o special event) senza alcun impedimento eccetto il caso in cui un utente non sia bannato (in tal caso non può loggarsi al portale) e nel caso non sia bannato dalle gare (in tal caso può iscriversi al portale ma gli viene impedita l'iscrizione a qualsiasi evento). L'iscrizione è subordinata all'accettazione delle clausole e condizioni del controllo anticheat ed all'accettazione del regolamento sportivo. Il pilota dopo l'iscrizione può trovarsi in diversi stati. - Titolare - Riserva - Sospeso

il Titolare è il pilota che ha pieno diritto a essere convocato (e quindi a partecipare) in quanto rispetta tutti i requisiti e la sua posizione nella lista iscritti gli consente di avere un posto tra quelli disponibili e predisposti per l'evento La Riserva a differenza del titolare non rientra nei posti disponibili e quindi viene convocato se un titolare non si ritira o, nel caso dei campionati, non segnala assenza per la prossima gara. In questo caso la prima riserva della lista acquista o lo status di Titolare (nel caso di ritiro dell'altro pilota) o convocabilità nel caso di assenza da una gara. Il pilota sospeso è colui che a prescindere dai posti disponibili e quindi dalla Titolarità non rispetta uni dei requisiti richiesti come per esempio il numero minimo di punti patente. E' bene sottolineare che in ogni momento dello svolgimento della fase di iscrizioni ma anche nel corso di un campionato ogni pilota può modificare il suo stato. Vediamo nel dettaglio.

Da Titolare a Riserva Un pilota può passare da Titolare a riserva se, durante i primi giorni delle iscrizioni di un evento viene scavalcato da un pilota con più diritto di titolarità. Il diritto di titolarità (chiamata anche precedenza nelle iscrizioni) è una caratteristica data dalle tessere Admin e Premium, se la prima non è acquistabile e riservata ai soli Admin, la seconda è disponibile con sovrapprezzo e durata annuale. Ogni evento (special event o campionato) per i primi giorni di apertura iscrizioni viene concesso un periodo (circa 5 giorni) entro i quali l'iscrizione con una di queste tessere consente di scavalcare tutti i piloti iscritti con profilo inferiore. Il Premium scavalca i Basic, Admin scavalca Premium e Basic. Dopo questi primi giorni, quindi alla cosiddetta data di consolidamento il profilo della tessera non ha più effetto e le posizioni degli iscritti fino a quel momento smettono di fluttuare e la lista si consolida. Da quel momento ogni iscritto viene ordinato secondo la data di iscrizione.

Da Riserva a Titolare Un pilota può passare da Riserva a Titolare se durante la fase di iscrizioni o durante lo svolgimento di un campionato un numero sufficiente di piloti si ritirano al punto da far scalare posizioni nella lista iscritti fino a passare dal primo pilota Riserva a ultimo pilota Titolare. Se per esempio in un evento con 30 posti disponibili si occupa il 32° posto (2° riserva), al ritiro del primo titolare si diventa prima riserva, al ritiro del secondo titolare si passa in posizione 30 e quindi ultimo dei titolari.

Da Titolare o Riserva a Sospeso e viceversa' Solo per i campionato, se durante una qualsiasi fase del campionato (dall'apertura iscrizioni fino alla fine) si perdono i requisiti di convocabilità (es la patente scende sotto il minino richiesto) il pilota passa allo stato di Sospeso e perde la convocabilità. In tal caso viene 'sfilato' dalla lista iscritti e la prima riserva diventa convocabile. Non appena il pilota riacquista i punti patente necessari ritorna nella posizione precedente. Attenzione. Per i campionati il sistema di ordinamento degli iscritti e quindi della convocabilità utilizza anche il numero di gare disputate nel campionato stesso. Chi ha all'attivo più gare in quel campionato acquista precedenza nella lista iscritti. Esempio. Se prima della prima gara la lista iscritti è composta come segue:

pilota1, titolare iscritto 1 gen 2014 pilota2, titolare iscritto 2 gen 2014 pilota3, titolare iscritto 3 gen 2014 pilota4, titolare iscritto 4 gen 2014 pilota5, titolare iscritto 5 gen 2014 pilota6, riserva iscritto 6 gen 2014

se il pilota5 non partecipa alla gara ed al suo posto partecipa pilota6 (la riserva). Dopo la gara e quindi come lista valida per le convocazioni del successivo evento la lista iscritti sarà così composta

pilota1, titolare, gare disputate: 1, iscritto 1 gen 2014 pilota2, titolare, gare disputate: 1, iscritto 2 gen 2014 pilota3, titolare, gare disputate: 1, iscritto 3 gen 2014 pilota4, titolare, gare disputate: 1, iscritto 4 gen 2014 pilota6, titolare, gare disputate: 1, iscritto 6 gen 2014 pilota5, riserva, gare disputate: 0, iscritto 5 gen 2014

dando più peso al numero di gare disputate all'interno del campionato e non alla data iscrizione (così come al profilo utente) il pilota5 acquista più diritto di convocabilità rispetto al pilota6 (assente alla prima gara) diventando difatto titolare, almeno fino a che avrà più gare all'attivo del pilota5, in mancanza di questo vantaggio usando la data iscrizione il pilota5 ripasserebbe avanti a pilota6. Questo meccanismo serve a privilegiare gli utenti che, dimostrando più interesse per il campionato, partecipano di più alle gare garantendo il miglior utilizzo dei posti disponibili.

Formazione gruppi sia gli special eventi che campionato possono essere predisposti per accogliere un numero di iscriti diviso in più gruppi che poi parteciperanno su più server paralleli pur alimentando le stesse classifiche. Partiamo dai parametri che goverano il sistema - numero minimo piloti: il numero minimo di piloti di un gruppo affinchè si formi un nuovo gruppo. - numero massimo di piloti, il numero massimo di piloti assegnabili ad un gruppo, strettamente legato alla capienza della/e piste dell'evento o a limiti tecnici di altra natura. - numero di gruppi allestibili, il numero massimo si gruppi che il sistema in automatico può preparare

il sistema di iscrizioni accoglie le iscrizioni ed i ritiri e li distribuisce sui diversi gruppi usando i suddetti parametri. Il dettaglio verrò spiegato con un semplice esempio di un evento in cui sono stati decisi i seguenti parametri: min gruppo:22 max gruppo:30 max num gruppi:3

il sistema si comporterà nel seguente modo: - fino al 30° iscritto avremo tutti piloti titolari e quindi convocabili - fino a 41 iscritti avremo 30 titolari e 11 riserve - dal 44° pilota scatta il secondo gruppo in quanto si soddisfa il requisito che indica in 22 piloti il numero minimo per formare un gruppo. In questo caso i 44 piloti sono tutti titolari. - fino al 60° iscritto tutti i piloti saranno su due gruppi e tutti come titolari in quanto si ottengono 30 piloti (il max) per ogni gruppo - fino a 65 piloti si hanno due gruppi con 60 titolari e 5 riserve - al 66° pilota scatta il terzo gruppo e tutti i piloti diventano titolari e tale condizione sarà vera fino al 90° pilota, oltre tutte riserve e senza altra possibilità di formazione di altri gruppi (max 3 gruppi settati)

Ovviamente il sistema agisce anche in caso di ritiro eliminando un gruppo nel caso si scendesse sotto la soglia critica. Il downsizing dei gruppi viene eseguito solo fino a che non viene disputata la prima gara dopodichè solo l'intervento di un amministratore può abbassare il numero di gruppi che altrimenti resterebbe 'congelato' al numero presente all'atto delle convocazioni della prima gara. Ciò vuol dire che a meno di interventi manuali anche se, a causa di ritiri, i piloti iscritti scendono sotto quota 66 il terzo gruppo non viene annullato garantendo a tutti gli iscritti di conservare lo status di titolari. Un gruppo a campionato in corso viene annullato manualmente solo quando il suo annullamento non costringa un pilota a diventare riserva.

Politiche di distrubuzione piloti nei gruppi Se prima è stato spiegato il meccanismo che regola la formazione dei gruppi, ora viene spiegato come i piloti vengono assegnati ai gruppi. Ogni evento o campionato può adottare una politica diversa ed esistono molte politiche a disposizione che vengono usate a seconda delle esigenze e del risultato che si vuole ottenere. I metodi disponibili spaziano dal round robin puro allo skill round robin ovvero ad una distribuzione sui server attingendo dalla lista iscritti o dalla lista preordinata per skill e molti altri sistemi ancora. Nei campionati è consuetudine usare un sistema appositamente studiato che consente la massima scalabilità dei server unito al buon equilibrio dei risultati e tale sistema, perfezionato negli anni, riesce nell'impresa. Tale sistema appare nei dati del campionato come 'skill [round robin] e poi classifica di categoria [verticale]', sigla che acquista significato solo se spiegato. Il sistema lavora in due diversi modi per la prima gara e per il resto del campionato. Prima gara In vista della prima gara e quindi per tutta la fase di iscrizioni fino alle prima convocazioni, il sistema distribuisce i piloti nei gruppi seguendo una sequenza di azioni 1) ordina l'intera lista di piloti titolari secondo lo skill in ordine decrescente (si ricorda che i titolari sono i piloti destinati ad essere convocati e quindi allocabili sui gruppi) 2) attinge da questa lista per popolare a rotazione i gruppi. Il risultato è una distribuzione abbastanza equilibrata degli skill su tutti i gruppi ovvero, con buona approssimazione, l'abilità dei 3 gruppi (quindi dei suoi piloti) si può dire è equivalente.

Dopo la prima gara, definita una prima versione di ognuna delle classifiche generali di categoria i gruppi vengono formati attingendo da queste classifiche ma questa volta non più con la metodologia round robin ma dividendo in N parti la classifica con i piloti posizionati più in alto nel primo gruppo e la coda della classifica nell'ultimo gruppo. Il risultato sono 3 gruppi non più equivalenti come per la prima gara ma a tutti gli effetti squilibrati ovvero raggruppati per classifica e quindi presumibilmente per abilità. Questo sistema fa si che dopo ogni gara i gruppi siano riformati sempre sulla base della classifica aggiornata e quindi nessun pilota può dirsi appartenente ad un gruppo ed in teoria c'è quindi alta mobilità tra i gruppi. A tal uopo si sottolinea che ogni gruppo adotta il medesimo set punteggio. Questa volotatilità viene in parte attenuata con un altra caratteristice ovvero l'assegnazione di un bonus crescente e differenziato per ogni gruppo. Per meglio capire ecco un esempio. In un ipotetico campionato di 5 gare e con 3 gruppi formati potremmo avere i seguenti punteggi bonus gara 2

- grp1: 3
- grp2: 2
- grp1: 1

gara 3

- grp1: 6
- grp2: 4
- grp1: 2

gara 4

- grp1: 9
- grp2: 6
- grp1: 3

gara 5

- grp1: 12
- grp2: 8
- grp1: 4

appare evidentete che all'avanzare del campionato l'appartenenza ad un gruppo alto premia sempre di più rispetto al gruppo basso e questo crea in classifica generale un divario maggiore tra i piloti che quindi assumono in clasifica stessa posizioni più consolidate e meno fluttuanti e, dato che la formazione dei gruppi si basa sulle classifiche generali, anche i gruppi diventano man mano sempre più stabili.

Approfondimenti si possono leggere [qui] e [qui]

Personal tools